Prima dicevano tutti “Io non c’entro”

Della "diversità" dell’UDC all’interno della maggioranza qui si è già parlato, e si è parlato anche di quanto questa diversità sia superficiale.

Ma non posso che apprezzare, ancora una volta, come questa sia la prima forza politica all’interno della maggioranza capace di autocritica e assunzione di responsabilità per quello che è diventata l’Italia in questi anni.

Di questo parla la nuova campagna dell’UDC: "Io c’entro, con il governo del paese". Oppure "Io c’entro, con il futuro dei nostri figli". E accanto, la faccia di Follini.

Un uomo capace di ammettere le sue colpe.

Prima dicevano tutti “Io non c’entro”ultima modifica: 2004-04-06T18:47:44+02:00da luca.sofri
Reposta per primo quest’articolo

4 pensieri su “Prima dicevano tutti “Io non c’entro”

  1. caro LS, se stai ironizzando, ok. Ma se posti sul serio, allora direi che gli udicisti stanno replicando subdolamente l’inganno elettoralistico che frutta loro una posizione di nicchia, piccola ma intoccabile (come il mercato delle Ferrari, per dire). Stanno dicendo, in controluce, che loro sono il centro (= l’equidistanza , totem aprioristico della politica), l’equilibrio che fa da baricentro all’azione di governo della CdL. Cioè, continuano a mangiare e a sputare, a sputare e a mangiare. Nello stesso piatto.

Lascia un commento